L’ultimo capodanno degli anni 80 (Lambada)

capodanno anni 80

L’ebbrezza delle vacanze di Natale, l’ebbrezza del mare di Bordighera, l’ebbrezza di un clima sorprendentemente mite, l’ebbrezza dei miei dieci anni appena compiuti (doppia cifra), l’ebbrezza di un Muro appena caduto, l’ebbrezza di Maradona, l’ebbrezza dell’attesa del nuovo anno, l’ebbrezza di stare sveglio fino a mezzanotte, l’ebbrezza di una festa a casa degli amici dei […]

Continue Reading

Difesa preventiva del Concertone del Primo Maggio

concertone primo maggio difesa

È necessario ogni tanto difendere l’indifendibile, o l’indiefendibile, se si tratta di evento di vago richiamo indie. Il Concertone del Primo Maggio rientra di striscio in questa categoria. Spesso il suo amaro destino è rimanere bistrattato e strapazzato dentro il cortocircuito dei due schermi in salotto: il televisore (input) e il cellulare (output). Un mesetto […]

Continue Reading

Il direttore d’orchestra

concerto di capodanno

Prima di svegliarsi dal sogno, il direttore d’orchestra sta dirigendo l’Orchestra Filarmonica di Vienna, nel concerto di Capodanno, in un Musikverein caldo e gremito in ogni ordine di posti. Gesti, scatti, nervi. Capelli selvaggi appiccicati sulla fronte imperlata di sudore. Un tic bizzarro col gomito, vezzo che lo caratterizza (se pure ce ne fosse bisogno) […]

Continue Reading

Bionde

bouchard sharapova bionde bionde

Maria, Eugenie. L’una russa siberiana, l’altra canadese francofona. L’una ariete, l’altra nata sotto il segno dei pesci. L’una glaciale e rigorosa, l’altra matta e scostante. Una sola cosa in comune: bionde. (Anzi forse un’altra: un bulgaro.) Maria Sharapova: il suo culo in copertina del libro fotografico “Tenniste” sulla mia libreria, le sue urla feroci ogni volta […]

Continue Reading