The Dimitrov affair

grigor dimitrov maria sharapova

“Il nuovo Federer”. Tal battesimo ha condannato il bulgaro Grigor Dimitrov ad essere il campione mancato più mancato che ci sia nel tennis di oggi. “Baby Federer”, “erede di Federer”, io dicevo “federede”: comunque lo vuoi chiamare, a parlare di Dimitrov si finisce sempre a parlare di un altro campione cui non riuscirà mai lontanamente […]

Continue Reading

Una teoria sui Coldplay

Coldplay teoria album Chris Martin

I Coldplay. Non li adoro ma li apprezzo. Li ascoltavo quando erano i nuovi Radiohead, li ascoltavo quando erano i nuovi U2, li ascolto adesso che non sono i nuovi nessuno perché sono i più famosi di tutti. Bellocci, di buona famiglia, equosolidali, hanno tutte le carte in regola per farsi odiare, eppure li accetto […]

Continue Reading

Mi ricordo Nick Cave

nick cave

Nick Cave è la tipica pietra miliare della musica rock che non conosco bene, pur avendoci sempre girato intorno. Ammucchio qui tutto ciò che so di lui in stile “Mi ricordo” di Joe Brainard (libro che non ho letto e sarebbe bene farlo). Nick Cave è australiano. Altri australiani che mi ricordo sul momento senza […]

Continue Reading

The Jesus and l’inizio dei trent’anni

the jesus and mary chain todays

Andare a un concerto senza avere qualche riga da scrivere per Ocanera mi dà una sensazione strana. Da una parte posso prendere le cose più alla leggera senza per forza seguire con attenzione: ci pensa già l’ottimo Matteo Ferrari. Dall’altra sento un vuoto che devo colmare in qualche modo e allora è subito My Spiace. Todays […]

Continue Reading

Squillini

squillini summer card

La cosa degli squillini si è persa. Secondo me è un peccato. Fare uno squillino all’amichetta o all’amichetto, chi ti piace un pochino, chi ti stuzzica l’idea: tanto semplice, eppure non si usa più. Il senso dello squillino è tra persone di sesso diverso. Non lo squillino per dire “richiamami” o “rispondimi”: intendiamo quello fine […]

Continue Reading

Salone del Libro vs. Salotto del Libro

salone del libro

No, non tirerò fuori il solito piagnisteo torinese del “ci portano via tutto” “ci rubano la bici” eccetera. No, non disserterò di meccanismi politici e complotti anche perché non ne so abbastanza, e anche ne sapessi, che palle. No, non prenderò nemmeno in considerazione il noioso discorso del “perché pagare il biglietto per comprare dei […]

Continue Reading

Lunga attesa

lunga attesa marlene kuntz

Tutto potrei provare all’uscita di un disco dei Marlene Kuntz tranne che una “lunga attesa”, visto che ne sfornano continuamente. Non ho nulla da attendere e nulla da aspettarmi, se sono ancora qui ad ascoltarli pure dopo Sanremo, beh, vuol dire che un po’ a prescindere gli voglio bene. Di cosa parliamo quando parliamo dei Marlene […]

Continue Reading

I gruppi che si chiamano Black-qualcosa

  Il mistero di queste due copertine, clamorosamente simili tanto da gridare al plagio, si infittisce quando consideriamo che entrambi i gruppi si chiamano Black-qualcosa. Cinque anni fa i misconosciuti Black Angels pubblicavano Phosphene Dream, due anni fa i planetari Black Keys pubblicavano Turn Blue. Di ben altri colori dunque si tinge questo noir di […]

Continue Reading