L’eleganza dell’EP

L’eleganza dell’ep

Negli anni di lutto per la morte del supporto fonografico, il mio pensiero più affettuoso va all’EP. Di tutte le fogge discografiche il più attraente, elegante, fascinoso, snob, sufficiente, ambiguo, meticcio, bastardo, capriccioso, appetitoso, e oh! so indie. Nel lungo rapporto tra singolo e album, l’EP è da sempre il vertice del triangolo amoroso. Un […]

Continue Reading

La mia lista dei Ministri

Ministri album

E a un certo punto superi i vent’anni, e fai il tuo ingresso nel pieno della gioventù, dell’autonomia, della consapevolezza, del mercato sentimentale e dell’indagine sessuale, con il tuo bagaglio di canzoni che ti hanno segnato la vita, ti hanno fatto piangere, innamorare, sognare, incazzare. Dal punto di vista dei tuoi ascolti, in realtà, sei […]

Continue Reading

Cultura generale

Cultura Generale Ministri

Ieri, 250 km in auto ascoltando lo stesso disco, “Cultura generale” dei Ministri. Mi piacerebbe sapere per quanti km della mia vita la mia autoradio ha trasmesso dischi dei Ministri. Quante volte li ho ascoltati, quante volte ciascuno. Sarebbero cifre stratosferiche. Un giorno di sicuro inventeranno un’app che dice anche questo (e che alla fine […]

Continue Reading

I titoli più belli dei dischi

titoli belli

Per esempio, l’autocoscienza disarmante e fulminante di I might be wrong. I Radiohead offrono stimoli infiniti. Quell’Ok computer non era un “ok” di intesa ma era un “ok” di resa, rassegnazione, se vogliamo profetico sul destino della musica mondiale da allora in poi. La bellezza di Piccoli fragilissimi film di Paolo Benvegnù è nel suggerire […]

Continue Reading