Il Viola

il vile marlene kuntz

“Il Vile” ha un fascino strano, cupo, perverso. Dopo il rosso fiore aperto di “Catartica”, il secondo disco vira sul viola, dentro e fuori. I Marlene Kuntz facevano un disco senza una “Nuotando nell’aria”. Correva l’anno 1996. All’epoca Jack Frusciante era appena uscito dal gruppo, “Hai paura del buio?” degli Afterhours non esisteva ancora. E ora […]

Continue Reading

Squillini

squillini summer card

La cosa degli squillini si è persa. Secondo me è un peccato. Fare uno squillino all’amichetta o all’amichetto, chi ti piace un pochino, chi ti stuzzica l’idea: tanto semplice, eppure non si usa più. Il senso dello squillino è tra persone di sesso diverso. Non lo squillino per dire “richiamami” o “rispondimi”: intendiamo quello fine […]

Continue Reading

SPQR + O – Sono Pop Questi Rockers

Suede Dog Man Star

Anni 90. Negozio di dischi. Ragazzetto invasato di brit pop. Scaffale “stranieri”. Lettere O, P, Q, R, S, tutto il tempo a rimbalzare tra queste lettere. Ricordate i cd-singoli, con il case sottile? Esistevano, incredibile. Gli Oasis li facevano uscire con tre lati-b inediti, sempre insensatamente bellissimi, potevano essere dei singoli a loro volta. Addirittura […]

Continue Reading

The right stuff

Nel concerto che non ho visto (la foto è di Andrea Bertocchi che c’è stato e mi informa che ha suonato 5/6 pezzi degli Oasis e il resto brani suoi) Noel tiene il microfono piuttosto basso. Chissà se volutamente, ha un approccio opposto al fratello Liam, che lo appende bene in alto e abbaia all’osso […]

Continue Reading

Quelli che vent’anni dopo

Per un secondo mi sono immaginato Fabio Fazio che, vent’anni dopo, organizza la pizzata dei “vecchi” di Quelli che il calcio. Per un secondo mi sono immaginato il presentatore simbolo dell’intrattenimento intelligente Rai che ripesca le liste degli ospiti e stila l’elenco delle vecchie glorie da chiamare. Il primo della lista non può che essere […]

Continue Reading

Catartica

Nei favolosi 90s, quando l’astro della nuova scena musicale di Torino fulgeva e fungeva da stella polare per le notti underground di mezza penisola, l’unico gruppo torinese che davvero mi piaceva era però di Cuneo. Vent’anni fa usciva Catartica e iniziavo questo ascolto seriale dei Marlene Kuntz che perdura ancora oggi. Non proprio vent’anni fa, […]

Continue Reading

Questo non è l’1.9.9.6.

Hai paura del buio reloaded

Davvero non bisognerebbe andare a sentire gli Afterhours mai più, ogni possibile concerto sarebbe reso vano da quello di ieri. L’ascolto di Hai paura del buio? reloaded rifatto con gli ospiti non prometteva nulla di buono. Canzoni perlopiù ammosciate, Pieropelù caricatura di se stesso, Bennato toglie la bestemmia. Questo non è l’1.9.9.6. Poi eccoci a […]

Continue Reading