La sufficienza di Noel Gallagher

noel gallagher who built the moon?

Grande Giove! Due futuri paralleli. Le sliding doors del dopo Oasis potevano proporre due storie possibili. Da una parte la conservazione, la restaurazione, la reiterazione delle chitarre e delle melodie semplici e complici anni 90. L’altro scenario: un cambiamento, un’evoluzione verso “dove sta andando la musica”. Entrambe le sliding doors vengono portate avanti, la prima […]

Continue Reading

Be here now / Be there then

be here now oasis

Giovedì 21 Agosto 1997. Vent’anni fa esatti usciva “Be Here Now” degli Oasis. Avevo diciassette anni, aspettavo l’evento da mesi. Ho tenuto da parte trentacinquemila lire dalle paghette dei miei. Eravamo in vacanza in un posto sperduto sui monti in val di Susa che si chiama Barcenisio. Mi hanno accompagnato a Susa al negozio di […]

Continue Reading

SPQR + O – Sono Pop Questi Rockers

Anni 90. Negozio di dischi. Ragazzetto invasato di brit pop. Scaffale “stranieri”. Lettere O, P, Q, R, S, tutto il tempo a rimbalzare tra queste lettere. Ricordate i cd-singoli, con il case sottile? Esistevano, incredibile. Gli Oasis li facevano uscire con tre lati-b inediti, sempre insensatamente bellissimi, potevano essere dei singoli a loro volta. Addirittura […]

Continue Reading

The right stuff

Nel concerto che non ho visto (la foto è di Andrea Bertocchi che c’è stato e mi informa che ha suonato 5/6 pezzi degli Oasis e il resto brani suoi) Noel tiene il microfono piuttosto basso. Chissà se volutamente, ha un approccio opposto al fratello Liam, che lo appende bene in alto e abbaia all’osso […]

Continue Reading

Le rose di pietra

In queste 36 righe ammucchio tutte le cose che so sugli Stone Roses. Le reunion sono un’idea poco esaltante. Come la festa in quel posto dove dieci anni fa ci eravamo tanto divertiti o come la cena degli ex compagni di classe. La reunion si basa sul concetto “proprio come una volta” ma ovviamente non è […]

Continue Reading

I titoli più belli dei dischi

i titoli più belli dei dischi

Per esempio, l’autocoscienza disarmante e fulminante di I might be wrong. I Radiohead offrono stimoli infiniti. Quell’Ok computer non era un “ok” di intesa ma era un “ok” di resa, rassegnazione, se vogliamo profetico sul destino della musica mondiale da allora in poi. La bellezza di Piccoli fragilissimi film di Paolo Benvegnù è nel suggerire […]

Continue Reading

Dischi 2011

      Quanto è adorabile e retrò la parola “dischi” invece che “cd”. Qui chiacchiero alcuni degli album usciti nell’ultimo anno e ascoltati attentamente o distrattamente. Il minimo comun denominatore è il fatto di averli comprati perchè non sono così ggiovane come voi che scaricate tutto e subito tutto scaricate. Attenzione: questo post fa parte […]

Continue Reading