Il Viola

il vile marlene kuntz

“Il Vile” ha un fascino strano, cupo, perverso. Dopo il rosso fiore aperto di “Catartica”, il secondo disco vira sul viola, dentro e fuori. I Marlene Kuntz facevano un disco senza una “Nuotando nell’aria”. Correva l’anno 1996. All’epoca Jack Frusciante era appena uscito dal gruppo, “Hai paura del buio?” degli Afterhours non esisteva ancora. E ora […]

Continue Reading

Lunga attesa

lunga attesa marlene kuntz

Tutto potrei provare all’uscita di un disco dei Marlene Kuntz tranne che una “lunga attesa”, visto che ne sfornano continuamente. Non ho nulla da attendere e nulla da aspettarmi, se sono ancora qui ad ascoltarli pure dopo Sanremo, beh, vuol dire che un po’ a prescindere gli voglio bene. Di cosa parliamo quando parliamo dei Marlene […]

Continue Reading

Catartica

Nei favolosi 90s, quando l’astro della nuova scena musicale di Torino fulgeva e fungeva da stella polare per le notti underground di mezza penisola, l’unico gruppo torinese che davvero mi piaceva era però di Cuneo. Vent’anni fa usciva Catartica e iniziavo questo ascolto seriale dei Marlene Kuntz che perdura ancora oggi. Non proprio vent’anni fa, […]

Continue Reading

Dischi 2012 (primo tempo)

     Una mattina mi capita di ascoltare in radio un pezzo che non vi saprei spiegare, oltre che musica è anche aria e luce. Digitando su google parte del testo (in mancanza di Shazam, ognuno ha i suoi metodi!) scopro che è Black Gold, di Esperanza Spalding, bassista e cantante jazz afroamericana il cui ultimo […]

Continue Reading