Della chiusura di Splinder e Myspace

Cominciamo subito con Myspace: sono contento che chiuda, non so come abbia potuto avere successo un social network talmente pesante, faticoso, legnoso e superficiale. Ultimamente era diventato nulla più che un veicolo di spam di inutili bands emergenti. E’ stato però decisivo perchè ha iniziato ad abituarci ai meccanismi web di amicizia e condivisione di […]

Continue Reading

L’unica è il teletrasporto

Scusate l’esposizione scomposta, ma apprese le Grandi Inculate nel settore dei mezzi pubblici non posso che indignarmi e covare sentimenti di odio e violenza e cristi e madonne. Ma non voglio dilungarmi in preamboli. – Rincari nei pullman / metro / GTT. Qui a Torino il biglietto singolo aumenterà da 1 euro a 1,50. La tariffa […]

Continue Reading

Natale, e quale

Gli usi e costumi natalizi sono una babele che può essere suddivisa in alcune macro-dicotomie: Panettone vs. Pandoro – a molti non piace il panettone perchè il loro palato non è abbastanza allenato a sopportare canditi ed uvette. Invece, il pandoro necessita di un commensale competente nel riempire di zucchero a velo la busta del […]

Continue Reading

Valle di lacrime

Ascolto distrattamente la conferenza stampa dei ministri che illustra la manovra del governo Monti (o governo Mostri, a giudicare dalle facce dei personaggi, sembrano un equipaggio di Star Trek). La trasmettono su La7. Intanto su Rai1 c’è Fabrizio Frizzi, su Rai2 pistole e inseguimenti d’auto, su Rai3 Luciana Littizzetto, sulle reti Mediaset c’è Paperissima e cose […]

Continue Reading

L’occhio sbagliato

(in foto: Mario Sechi, direttore del Tempo, l’occhio strabico è perfetto per mandare l’interlocutore in stato confusionale) Ogni volta che parlo con uno strabico, purtroppo fisso sempre l’occhio sbagliato. Ogni volta che parlo con qualcuno che magari non ascolto, non capisco o non mi interessa ciò che dice, faccio sempre finta di ascoltare e capire: un […]

Continue Reading

Boyband

Dove sono finite le boyband? Improvvisamente non esistono più. Cosa è successo ai Backstreet Boys? Non sono più tanto boys. E i 5ive? sono diventati 4uattro e poi tr3 ecc fino a zer0… E gli N’Sync, quelli che Justin Timberlake era il fidanzatino di Britney Spears? E i Westlife, nome orripile ma con una gran […]

Continue Reading

Gaffe

Il favorito. Nel partito repubblicano è lui in testa nella gara per sfidare Barack Obama alle elezioni, e diventare finalmente Presidente degli Stati Uniti d’America, il sogno di una vita. Lavorano per lui 24h/24 i migliori team di pubblicitari, uffici stampa, stilisti, esperti di psicologia e comunicazione. Puntano su di lui tra le più potenti […]

Continue Reading

I pazzi

I pazzi sono ovunque. Sono i barboni che scaracchiano sotto i cartoni, sono i bruciati che parlano da soli, i freaks, i nani, gli storpi che non hanno fatto pace con le loro deformità. Alcuni, se ti sorprendono a guardarli, ti coprono di insulti e bestemmie. In città ad agosto i pazzi spuntano come funghi, […]

Continue Reading

Zero

Tutto ciò in un momento storico catartico in cui si parla di: spread, rating, Bini Smaghi, default peones, malpancisti, rottamatori, porcellum alluvione, Liguria, Lunigiana (chi di voi prima dell’alluvione sapeva dov’è la Lunigiana? E adesso lo sapete? Bugiardi) no tav, draghi ribelli, indignados altre di B: Stracquadanio, Cassano, Belen, Moggi, Simoncelli, Vasco, Scilipoti Le prefazioni sono il miglior deterrente […]

Continue Reading