Chi sono io?

paolo plinio albera

Paolo Albera sono io, ma qui a Torino ci sono un po’ di omonimi, e allora tra nome e cognome ho infilato Plinio che è il nick che mi hanno dato da bambino. Paolo Plinio Albera dunque non è un vezzo da firma musicale, o un capriccio da nobile che mannaggia non sono. È più una necessità, un incidente, un fanciullino pascoliano che è in me.

Di giorno faccio il copywriter. Di notte continuo con questa storia della musica, che mi ha incastrato fin da ragazzino. Maledetta musica. Suonare, scrivere, ascoltare, andare a concerti, leggere siti e riviste. Se penso a quante ore al giorno, e quindi a quanti giorni all’anno, e quindi a quanti anni in una vita sto dietro alla musica, non ci posso credere io stesso.

Il MySpiace è nato come un blog, e adesso… beh, lo è ancora. Ma è diventato un blog musicale, che sconfina nei libri e nei film (e talvolta nel tennis).

Altri miei articoli, report, recensioni e gocce del mio sangue si trovano su:

Quanto tempo mi rimane? Il rock è morto? L’indie fa schifo? Paul McCartney è vivo? Cosa ci riserva il futuro?

Se hai una risposta, o anche un’ulteriore domanda, scrivimi a pliniopaolo@gmail.com.


P.S. Ma perché chiamarlo MySpiace? Boh, solo una ripicca che mi è venuta in mente nell’epoca di transizione tra i Myspace e i “mi piace”. Comunque sono su Facebook e Instagram come tutti. Potessi, sarei ancora su Splinder, come tutti i nati nell’anno di grazia più di grazia.

 

2 commenti

  1. Grazie per l’apprezzamento, il mio blog è un modesto mezzo per sentirmi viva e un poco utile a chi, come me, vive in questa città.
    Molto interessante, ironico e divertente quanto scrivi sul tuo blog!
    Ciao

    p.s. 2+2=5 (Radiohead)

Rispondi